Articoli.
13/05/2010
QUANTO FLUORO E' NECESSARIO PER LA SALUTE DEI BAMBINI?
Ne' troppo ne' troppo poco: ogni odontoiatra sa bene quanto la giusta quantita' di fluoro sia utile nel combattere la carie, cosi' come conosce i danni delle dosi eccessive dati dalla somma di alimenti, integratori e dentifricio. La professoressa Alessandra Majorana, docente di odontoiatria e patologia orale presso l'universita' di Brescia e presidente della S.i.o.i., dichiara che l'intossicazione da fluoro e' un evento raro poiche' , affinche' si verifichi, e' necessario che un bambino ingerisca 5mg di fluoro per chilogrammo di peso: un bambino di 20kg dovrebbe ingerirne 100mg, ossia l'equivalente della meta' di un tubetto di dentifricio per adulti oppure, un'intera confezione di pastiglie di fluoro. Rischio piu' reale, anche se non frequente, e' quello della fluorosi, cioe' un'eccessiva assunzione di fluoro protratta nel tempo nei bambini al di sotto degli 8 anni, limite oltre il quale il rischio e' nullo. La persona che possiede le informazioni necessarie, per poter fare una stima riguardo la quantita' totale di fluoro assunta, e' sicuramente il pediatra, che puo' stilare un bilancio che includa il tipo e la quantita' di cibo e l'acqua sui quali i genitori basano la dieta del bambino. Mentre l'acqua in bottiglia ha un contenuto di fluoro dichiarato nell'etichetta, piu' difficile e' per il pediatra e l'odontoiatra, conoscerne la quantita' presente in quella potabile, legata alla natura geologica delle diverse aree geografiche. Per quanto riguarda la specifica competenza dell'odontoiatra, vi sono delle indicazioni oggi riconosciute, volte a evitare che un'eccessiva assunzione di fluoro, derivi da un uso scorretto del dentifricio. E' necessario ricordare ai genitori di non spazzolare mai i denti dei bambini con un dentifricio per adulti, che in genere ha un alto contenuto di fluoro, ma di acquistare quello adatto all'eta' dei loro figli, e comunque, fino a quando non sono capaci di espellerlo insieme all'acqua, la quantita' di dentifricio consigliata e' quella pari alla grandezza di una lenticchia. Lo studio pubblicato da Jada, si e' occupato dell'analisi della quantita' di fluoro ingerita dai neonati fino all'anno di eta', che assumono latte artificiale. Gli autori hanno analizzato il contenuto di 49 confeziioni di latte artificiale di vario tipo in vendita negli Stati Uniti, alcuni prodotti da multinazionali che vendono lo stesso alimento anche in Italia. L'analisi ha stabilito in generale che, il latte artificiale in commercio oggi, non comporta rischi: ne' quelli pronti all'uso, ne' quelli che necessitano l'aggiunta di acqua; quelli a base di soia hanno un contenuo in fluoro inferiore alla dose consilgiata. Difficilmente l'odontoiatra presta le proprie cure a bambini molto piccoli perche' l'eta' media della prima visita in Italia e' molto elevata infatti, sono ancora molti i casi di carie da biberon: i genitori, molto spesso, non sanno che le sostanze dolci e dense, bevute attraverso il biberon, possono creare danni agli incisivi ed ai canini superiori, soprattutto se ingerite di sera, in quanto il bambino nell'atto di succhiare, mantiene il liquido dolce fermo contro la parete esterna dei denti. Ultima cosa, altrettanto importante, e' spiegare ai genitori come massaggiare le gengive e pulire i denti erotti passando delicatamente una garza o gli appositi strumenti in gomma.
 
 
 




LEGGI LE RECENSIONI
SULLO STUDIO
 
 
categorie articoli:
 

Guazzi Studio Odontoiatrico
Dott. Guazzi Paolo
viale Carlo Alberto Dalla Chiesa 69,
41126 Modena (MO) Italy
Tel: 059-390726
Fax: 059-303945
E-Mail: studio@guazzipaolo.it