igiene orale e prevenzione.

La placca Batterica e il Tartaro

Una corretta igiene orale è di fondamentale importanza per la salute della bocca, in quanto impedisce il deposito e l’accumulo della Placca Batterica.
La Placca Batterica è la causa della carie dei denti e della malattia delle gengive e dell’osso (la Malattia Parodontale).

La Placca batterica è una sostanza molle e biancastra che si attacca ai denti e alle gengive; è dovuta all’ accumulo su denti e gengive dei  Microbi (Batteri) che sono presenti normalmente nella bocca di ognuno di noi.

Questi batteri usano il cibo e lo trasformano in acido che “corrode il dente” (la Carie); inoltre queste batteri infiammano le gengive e l’osso sottostante (causando la Gengivite e la Malattia Parodontale).


Nella Gengivite, la gengiva appare arrossata, a volte gonfia e soprattutto facilmente sanguinante.

(immagine concessa con autorizzazione tratta dal manuale di igiene dentale "L'esperienza è la migliore insegnante" - Antonella Tani Botticelli - Ed. Ariminum Odontologica)

 
Gengivite in un disegno…

...e nella bocca!!

QUANDO C’E’ SANGUINAMENTO, LA GENGIVA E’ SEMPRE INFIAMMATA! QUINDI IL SANGUINAMENTO E’ UN SEGNALE D’ALLARME!!

La Gengivite è la fase iniziale e reversibile dei disturbi gengivali.
Se la placca non viene rimossa con lo spazzolino, dopo 24-48ore comincia a calcificare e diventa Tartaro.

In sostanza Placca e Tartaro sono un mucchio di batteri attaccati a denti e gengive!!
La differenza fra i due è che la Placca si può ancora togliere con lo spazzolino, il Tartaro no!

Se il Tartaro attacca l’osso che sostiene la radice del dente, si arriva alla Malattia Parodontale (la Piorrea) che provoca danni il più delle volte irreversibili fino a causare la perdita dei denti!

BATTERI -> PLACCA -> TARTARO -> GENGIVITE e in seguito PIORREA

 
Depositi di tartaro sui denti e sulle gengive.

Igiene orale quotidiana

Abbiamo visto che per mantenere sani i denti e le gengive è fondamentale asportare la Placca con una corretta IGIENE QUOTIDIANA, poiché se si elimina la placca non si può formare nemmeno il tartaro!

Gli strumenti indispensabili per una corretta igiene orale sono lo Spazzolino ed il Filo interdentale.

Lo Spazzolino da denti

 
Deve possedere una Testina piccola per raggiungere tutte le zone e Setole di media durezza ed in nylon (Tynex) per non ledere la gengiva.
Andrebbe sostituito ogni 2-3 mesi o appena le setole si consumano e si piegano.

(immagine concessa con autorizzazione tratta dal manuale di igiene dentale "L'esperienza è la migliore insegnante"
Antonella Tani Botticelli - Ed. Ariminum Odontologica)

Come si usa:
Posizionare le setole a contatto con la gengiva e poi ruotare verso il dente (movimento “a rullo”).

(immagini concesse con autorizzazione tratta dal manuale di igiene dentale "L'esperienza è la migliore insegnante" Antonella Tani Botticelli - Ed. Ariminum Odontologica)

Questo movimento va ripetuto per tutte le superfici di tutti i denti (la superficie che mastica e le superfici verso le guance e verso il palato o la lingua).
Il tempo minimo da dedicare allo spazzolino va dai 3 ai 5 minuti!

Il filo interdentale

 
E’ un filo di seta o materiale sintetico (anche Gore Tex) che può essere “cerato” per aumentarne lo scorrimento fra i denti.
E’ indispensabile per pulire le superfici di contatto tra i denti (quelle che generalmente sviluppano carie in età adulta), non è sostituibile con nessun’altro strumento!

(immagine concessa con autorizzazione tratta dal manuale di igiene dentale "L'esperienza è la migliore insegnante" - Antonella Tani Botticelli - Ed. Ariminum Odontologica)

Come si usa:
Tagliare 40-50 cm di filo e arrotolare le estremità attorno a ciascun dito medio. Tenere teso il filo usando pollici e/o indici.

Inserire il filo delicatamente fra i denti fino a superare il punto di contatto, e poi muoverlo con un movimento  di va e vieni strisciandolo contro al dente e facendolo scivolare anche al di sotto della gengiva. Ripetere la procedura per ogni dente senza dimenticare la faccia posteriore dell’ultimo dente.

Nel caso siano presenti in bocca Ponti, Impianti o Apparecchi Ortodontici, può essere utile l’uso di altri accessori come.

Scovolini interdentali, che si inseriscono fra i denti e si fanno scorrere a contatto della gengiva;
Filo superfloss, per l’igiene sotto ai Ponti fissi e sugli Impianti;
Forcelle tendifilo, per aiutare in caso di difficoltà manuali.


Scovolino

Superfloss sotto a un ponte

Forcella tendifilo

In caso di ALITOSI oltre a migliorare l'igiene orale si consiglia di occuparsi della pulizia della superficie anteriore e posteriore della lingua.
E' stato dimostrato che i residui alimentari e i batteri della placca rimangono sulla superficie della lingua anche dopo il normale lavaggio dei denti con lo spazzolino e la loro permanenza nel cavo orale oltre a causare problemi di carie o gengivali provoca ALITO PESANTE.
Un valido aiuto puo' provenire dall'uso di uno strumento chiamato PULISCILINGUA in gomma morbida (le setole dello spazzolino non sono sufficienti) in vendita presso le farmacie o erboristerie.

Per altre informazioni vedi Parodontologia e Malattia parodontale.

PREVENZIONE

Potrebbe sembrare retorico, ma “Prevenire è realmente meglio che curare”!
Il Trapano, le Punture.. e tutto quanto può proporre di curativo il Dentista… potrebbero essere evitati con una buona prevenzione.

Un dente sano è meglio della migliore Corona in ceramica!
Ed ecco che il primo compito del Dentista dev’essere insegnare a prevenire la Carie e le Malattie della bocca, così come il Dietologo insegna ad alimentarsi bene ed il Cardiologo a non trascurare il cuore…


La radiografia digitale, le visite con il microscopio o i sistemi prismatici ingrandenti, l’uso della telecamera intraorale…
sono sistemi di diagnosi, che per quanto accurata serve a trovare la malattia il più presto possibile…

L’ideale sarebbe evitare del tutto la sua formazione!!
Ecco perché il dentista deve parlare innanzitutto di prevenzione piuttosto che della cura!

Il Dentista o meglio l’ Igienista dello studio deve vedere assieme a Voi la tecnica più efficace per pulire i denti, lo Spazzolino corretto (elettrico o manuale); il giusto impiego del Filo Interdentale; dovreste usare insieme le Pastiglie rivelatrici di Placca per verificare le zone che riuscite a pulire correttamente e quelle che trascurate…Infine tra i vari Colluttori e Dentifrici del commercio vi aiuterà a scegliere i prodotti più adatti a voi.
Per concludere sarà fondamentale una revisione dell’alimentazione, valutando quali alimenti sono cariogeni e quali “sicuri”.
 
 

 

LA PREVENZIONE CONSISTE NEL DARVI GLI “STRUMENTI E LE CONOSCENZE” PER EVITARE LA MALATTIA.

Vedi anche la sezione dell’ Igiene professionale e della Parodontologia per maggiori informazioni.

Esistono inoltre misure preventive che il Dentista vi può consigliare e che sono di provata efficacia contro la Carie.



IL FLUORO

Il Fluoro è un minerale presente in natura , capace di rinforzare lo smalto dei denti, rendendoli più resistenti alla Carie; inoltre in presenza di piccole carie iniziali il Fluoro le può rimineralizzare e “richiuderle” con nuovo smalto

La FLUOROPROFILASSI è la prevenzione della carie tramite il Fluoro, e si può effettuare in diversi modi:

  • Si può attuare mentre si stanno mineralizzando i denti; quindi il Fluoro andrebbe preso in gravidanza (dal 3° mese in poi), durante l’allattamento e successivamente fino al 12° anno di età del bambino.



    Fluoruro di sodio in gocce ed in compresse per la fluoroprofilassi dal 3°mese di gravidanza fino al 12°anno del bambino.


  • Si può assumere in gocce o in compresse (dalla Madre e poi dal Bambino).
    In questo modo il Fluoro si fissa “dentro al dente” (sia nei dentini da latte che in quelli definitivi) e lo smalto diventa molto duro e resistente alla carie;

  • Si può attuare sui denti già formati, dove però il Fluoro agisce solo in superficie (sullo smalto), e dev’essere applicato localmente in diversi modi:

    - dal paziente tramite dentifrici o colluttori;
    - nello studio dentistico mediante gel o vernici al Fluoro ad elevata concentrazione (applicati ogni 6 mesi);



    Gel di Fluoro che viene applicato sui denti in Studio mediante apposite mascherine.
    - nello studio dentistico con dispositivi che si fissano su 2 denti (i molari) e rimanendo in bocca rilasciano il Fluoro nella saliva per 6 mesi, e che successivamente vanno sostituiti.
  • Il Fluoro è un oligoelemento di comprovata efficacia e rappresenta una reale misura di prevenzione contro la carie.



    LE SIGILLATURE

    Le sigillature in odontoiatria sono un trattamento estremamente efficace che sarebbe bene eseguire nei bambini all’eruzione dei primi denti definitivi (e, secondo alcuni medici, anche sui denti da latte). Si effettuano nei molari che compaiono intorno ai 6 anni e nei premolari ( 9-10 anni).

    La tecnica è molto semplice ed indolore (non si usa né anestesia né trapano)  e consiste nel “chiudere”, quindi sigillare, con una resina bianca e fluida i solchi dei denti. Si eseguono in quanto i denti appena erotti hanno solchi molto profondi dove è facile il ristagno di placca e la formazione di carie; sigillando questi solchi si rende la superficie più liscia e più semplice da pulire. E’ una forma di prevenzione che si può applicare, inoltre, ad ogni età, ed è ripetibile nel tempo nel caso si evidenzi, ai vari controlli, che il sigillante sia scomparso dai solchi in quanto consumato negli anni con il lavoro dei nostri denti.

    La durata di questa “lacca” è comunque elevata, superando tranquillamente i 5 anni di permanenza in bocca.

    Con un costo realmente modesto si opera una reale azione di Prevenzione sulla carie prima che questa possa formarsi.

     

     
    Guazzi Studio Odontoiatrico Dott. Guazzi Paolo
    viale Carlo Alberto Dalla Chiesa 69, 41126 Modena (MO) Italy - Tel: 059-390726 - Fax: 059-303945 - E-Mail: studio@guazzipaolo.it